Ultimo giorno -40% e consegna a domicilio Gratuita  

Detersivi: come limitare i prodotti tossici?


Detersivi: come limitare i prodotti tossici?

 

Sapevi che la maggior parte dei prodotti per il bucato che usi ogni giorno contengono agenti chimici tossici e sintetici che possono essere pericolosi, sia per la salute umana che per l'ambiente? Ebbene, sì, i prodotti per il bucato, soprattutto quelli di fabbricazione industriale, contengono tutti varie sostanze tossiche e nocive, per cui ci troviamo di fronte a pericoli reali ogni giorno.

 

Tuttavia, poiché i prodotti per la cura del bucato sono indispensabili, è spesso difficile farne a meno.

 

Fortunatamente, ci sono vari modi per limitare o addirittura evitare il loro uso, che allo stesso tempo riduce i rischi legati ai prodotti tossici che contengono, ed è proprio quello che cercheremo di presentarvi qui.

 

Il pericolo dei prodotti tossici nel detersivo

I prodotti per il bucato convenzionali sono composti da una miscela di diverse sostanze che possono essere tossiche, come profumi, interferenti endocrini, neurotossine e sostanze chimiche cancerogene particolarmente potenti.

 

A causa di questo, la vostra lavanderia può benissimo essere la stanza più tossica della vostra casa, poiché queste sostanze chimiche entrano nell'aria dopo aver lavato e asciugato i vestiti.

 

Fortunatamente, è possibile ridurre l'esposizione a questi elementi tossici e la prima cosa da fare è guardare i prodotti che usiamo quotidianamente e soprattutto sceglierli bene.

 

Questo è necessario perché alcuni degli ingredienti dei detersivi per il bucato possono potenzialmente essere assorbiti attraverso la pelle o respirati attraverso il naso, o gettati nello scarico per danneggiare la vita acquatica e i nostri corsi d'acqua.

 

E poiché le agenzie governative spesso non regolano le sostanze chimiche dannose nei prodotti per la pulizia, è importante essere molto attenti e iniziare a fare scelte più sane.

 

Limitare l'esposizione alle sostanze chimiche tossiche nel bucato: cosa fare?

Non usare la candeggina

 

Oltre ad essere inutilmente dura sui tuoi vestiti, la candeggina può causare una reazione allergica e rilasciare gas tossici nell'aria. Uno studio cita che nelle case in cui veniva usata la candeggina, i tassi di influenza, sinusite e polmonite erano significativamente più alti, specialmente nei bambini.

 

Tuttavia, si può fare la propria candeggina con perossido di idrogeno, acido citrico e succo di limone. L'acido citrico e il succo di limone sono agenti sbiancanti naturali, e il perossido di idrogeno è in realtà acqua, ma arricchita con H202, un atomo di ossigeno in più.

 

Attenzione ad alcuni prodotti per il bucato

 

Molti prodotti convenzionali per il bucato possono contenere ingredienti che hanno effetti negativi su di voi, sui vestiti che lavate e soprattutto sull'ambiente quando vengono versati nello scarico. Inoltre, l'odore "fresco" del detersivo può anche essere una fragranza sintetica, che di solito contiene ftalati, che sono sostanze chimiche note per causare una serie di gravi disturbi.

 

Per evitare qualsiasi rischio, si raccomanda quindi di optare per un prodotto basato su ingredienti naturali, biodegradabili e senza fosfati o anche di optare per altre alternative quando si tratta di lavare i vestiti che non richiedono l'uso di detergente.

 

Evitare gli ammorbidenti

 

L'ammorbidente riduce l'umidità, che ammorbidisce i vestiti, ma contiene anche diverse sostanze chimiche, tra cui l'acetato di etile (un irritante e una neurotossina).

 

Un modo semplice per ridurre l'esposizione all'acetato di etile è evitare di usare ammorbidenti o sostituirli con un'alternativa naturale come l'aceto bianco.

 

Scopri di più sulle migliori alternative per lavare i vestiti senza detersivo qui.